Una nostra iniziativa

Creato: 21 Novembre 2013 Ultima modifica: 03 Ottobre 2016
Scritto da Istituto Onorato Damen Visite: 495

Cari amici della Libreria,

Venerdì 22 Novembre ore 18.30

IL FASCINO DELL’ERESIA

DMD' una nuova rivista per una lettura alternativa della crisi

economica e delle sue prospettive

 

 

Relatori:

Gianfranco Greco, Lorenzo Procopio, Giorgio Paolucci coautori del libro La crisi del Capitalismo

– Il crollo di Wall Street – Ed. Istituto Onorato Damen – Catanzaro

DMD_N7_Thumb

D-M-D’ è la formula generale del capitale di Marx. Denuncia che la società capitalistica è fondata sullo sfruttamento della forza-lavoro e nel contempo svela che il fine del capitalista non è la produzione di beni e servizi per soddisfare i bisogni di chi li produce, ma D’, ossia l’accrescimento del capitale monetario investito nella produzione. Infatti, dal punto di vista del capitalista l’energia lavorativa (forza-lavoro) erogata dai lavoratori non si differenzia da quella di una qualsiasi macchina e il lavoratore intanto è preferito alla macchina in quanto il suo prezzo (salario) è competitivo con quello di quest’ultima e quando non lo è, la macchina può sostituirlo come una vecchia inutile cianfrusaglia. Non conta il lavoratore come uomo ma solo, e in quanto, si fa cosa fra le altre cose, merce fra le merci.

Quindi, la formula D-M-D’ dice ai lavoratori e a tutti coloro che non possiedono altro che la loro forza-lavoro, che non vi è alcuna possibilità di porre fine alla schiavitù del lavoro salariato finché permane il modo di produzione capitalistico.

A proposito del suo capolavoro I Miserabili, Victor Hugo scriveva : "Finché esisterà, per effetto delle leggi e dei costumi, una dannazione sociale che crea artificialmente, in piena civiltà, degli inferni e complica con una fatalità umana il destino che è divino; finché i tre problemi del secolo, la degradazione dell'uomo per il proletariato, la decadenza della donna per la fame e l'atrofia del fanciullo per l'oscurità, non saranno risolti; finché, in certe regioni, l'asfissia sociale sarà permessa; in altre parole e da un punto di vista ancora più ampio, finché sussisteranno l'ignoranza e la miseria, i libri sul tipo di questo non saranno inutili".

A maggior ragione finché esisterà la dannazione del modo di produzione capitalistico, è necessario compiere ogni sforzo affinché questa formula, che mostra il re in tutta la sua oscena nudità, non cada nell’oblio.

 

Vi aspettiamo !