Tutti insieme appassionatamente contro l’Isis. E tutti l’uno contro l’altro armati PDF Stampa E-mail
Scritto da Giorgio Paolucci   
Lunedì 25 Gennaio 2016 20:16

E’ la fame di plusvalore, della linfa di cui si sostanzia il capitale, che spinge tutti contro tutti, non la Bibbia, il Vangelo o il Corano.

Siria_Morte“Ohiohi la guerra. Ma se ti trovi dentro, odiala con chiarezza.

Lo stesso a raccontarla. E ci vuole lo stesso coraggio”

(G. Angioni – Sulla Faccia della terra -Ed. Feltrinelli – il Maestrale)

Contro il sedicente Stato Islamico di Siria e Iraq (Isis, Isi o Daesch che dir si voglia) si è ufficialmente costituita la più grande coalizione della storia moderna contro uno stesso nemico. Dopo la strage di Parigi, alla Russia -in campo già da qualche tempo a sostegno del siriano Assad – si sono uniti, in difesa della civiltà liberale, la Francia e quasi tutti i maggiori paesi del cosiddetto Occidente. Una sorta di santa alleanza a cui, subito dopo il massacro di Bamakoo in Nigeria, si è aggiunta, capeggiata dall’Arabia Saudita e in difesa dell’Islam cosiddetto moderato, una seconda colazione composta da 34 paesi, tutti sunniti come peraltro lo stesso Isis.

Ultimo aggiornamento Martedì 26 Gennaio 2016 06:20
Leggi tutto/Read more...
 
E’ uscito il n. 10 di DemmeD’ PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 22 Gennaio 2013 00:00
dmd_copertinan10_thumbE' appena uscito il n.10 della Rivista DMD'. Un numero speciale quasi interamente dedicato al problema della  guerra imperialista permanente.

Ricordiamo che la rivista D-M-D’ può essere richiesta direttamente a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. oppure scrivendo a: Istituto Onorato Damen - via Lazio 12 – 88100 Catanzaro.

Il costo della singola copia è di 6 euro ma un modo concreto per sostenerci è abbonarsi.

L’abbonamento ordinario (due numeri l’anno) costa 12 euro, quello sostenitore 20 euro.

Ai sottoscrittori dell’abbonamento sostenitore sarà inviato il nostro volume “La Crisi del Capitalismo. Il crollo di Wall Street”.

I versamenti per l’acquisto della rivista o la sottoscrizione dell’abbonamento possono essere effettuati tramite bollettino postale sul C.C. n. 96591482 – intestato a: Istituto Onorato Damen – Via Lazio, 12 – 88100 Catanzaro

Ultimo aggiornamento Giovedì 10 Dicembre 2015 11:52
 
Il Capodanno di Hasek PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Domenica 27 Dicembre 2015 20:50

Pubblichiamo un racconto giovanile del grande scrittore ceco Jaroslav Hasek dedicato al Capodanno.

HasekHasek, nato a Praga nel 1883, nel corso della grande guerra è chiamato a difendere il decadente impero austroungarico sul fronte orientale. Qui, in seguito al disfacimento dell'esercito imperiale, lo scrittore si schiera con i bolscevichi durante la rivoluzione russa. Rientra a Praga nel 1920 e vi morirà nel 1923 appena quarantenne.

Conosciuto in Italia soprattutto per il romanzo "Le vicende del bravo soldato Švejk", Jaroslav Hasek ha scritto migliaia di racconti satirici; uno di questi, "Il capodanno", scritto alla fine del 1906, è stato pubblicato sul giornale anarchico "Novà Omladina" il 2 gennaio 1907.

Il trascorrere di un secolo non ha scalfito la carica satirica e di denuncia sociale delle falsità borghesi  sul capodanno.

Il racconto che pubblichiamo è apparso in Italia nel volume "Lo sciopero dei malviventi"  edizioni Lucarini con la traduzione di Dario Massimi.

Leggi Il Capodanno di Hasek

Ultimo aggiornamento Lunedì 28 Dicembre 2015 18:52
 
Riflessione sulle condizioni del moderno proletariato (seconda parte) PDF Stampa E-mail
Scritto da Spohn   
Giovedì 01 Ottobre 2015 09:19

(prima parte)

La storia, a volte, si ripete.

tempi_attualiNel paragrafo “La lotta per la giornata lavorativa normale” nel primo libro del Capitale, il significato delle conquiste operaie è spiegabile solo per via dello stato dei rapporti di forza tra le classi. Da una parte, la difesa del tempo libero, delle ore di riposo, della massa monetaria utile al sostentamento fisico e alla compera di quei prodotti necessari al recupero delle molte energie vitali spese nel processo produttivo, dall’altra, la richiesta continua di allungamento della giornata di lavoro, oltre ogni moralità, etica, presupposto religioso, limite fisico. Una battaglia tra classi che si protrae fino a oggi ma che, come ovvio, possedeva già allora i connotati della «guerra civile», a tratti sotterranea, a tratti evidente:

L’instaurazione di una giornata lavorativa normale è quindi il prodotto di una lenta e più o meno nascosta guerra civile fra la classe capitalistica e la classe lavoratrice.[1]

Ultimo aggiornamento Giovedì 10 Dicembre 2015 12:13
Leggi tutto/Read more...
 
Il popolo degli inesistenti PDF Stampa E-mail
Scritto da Gianfranco Greco   
Mercoledì 19 Agosto 2015 18:23

bambini_imm

La responsabilità sociale delle imprese è verso gli azionisti-proprietari e consiste nell’aumentare i profitti. Degli ultimi e di chi non ce la fa, si può occupare la filantropia.” (Milton Friedman, 1970)

 

Un popolo in continuo aumento. Si tratti di migranti, di profughi, di rifugiati o altre categorie altrimenti definite, resta la ineludibile realtà di una umanità che si porta dietro un carico di disperazione senza fine.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 19 Agosto 2015 18:33
Leggi tutto/Read more...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 10