Il popolo degli inesistenti PDF Stampa E-mail
Scritto da Gianfranco Greco   
Mercoledì 19 Agosto 2015 18:23

bambini_imm

La responsabilità sociale delle imprese è verso gli azionisti-proprietari e consiste nell’aumentare i profitti. Degli ultimi e di chi non ce la fa, si può occupare la filantropia.” (Milton Friedman, 1970)

 

Un popolo in continuo aumento. Si tratti di migranti, di profughi, di rifugiati o altre categorie altrimenti definite, resta la ineludibile realtà di una umanità che si porta dietro un carico di disperazione senza fine.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 19 Agosto 2015 18:33
Leggi tutto/Read more...
 
Lezioni elleniche PDF Stampa E-mail
Scritto da Lorenzo Procopio   
Lunedì 03 Agosto 2015 10:51
greeceCrisUn piano di salvataggio approvato in extremis ha evitato la dichiarazione di fallimento della Grecia ma il prezzo che dovrà pagare il proletariato greco è salatissimo. La crisi greca ci insegna che nel moderno capitalismo non è possibile un ritorno alle vecchie monete nazionali senza un radicale rimescolamento degli schieramenti imperialistici.

La Grecia è tornata al centro del mondo, non per essere di nuovo la culla della civiltà occidentale, ma per rappresentare la miccia che rischia di far saltare in aria l’euro e con esso i mercati finanziari internazionali. La comprensione dell’attuale crisi economica greca richiede che essa sia necessariamente inquadrata nella più generale crisi che investe globalmente il sistema capitalistico. La Grecia non è pertanto un caso isolato ma la punta più avanzata di una crisi dell’intero sistema capitalistico che nel tentativo di gestire le proprie contraddizioni scarica i costi sociali sulle aree più periferiche e in ultima istanza sull’intero proletariato mondiale. Per orientarsi nella crisi greca e cogliere gli elementi di novità presenti nelle dinamiche imperialistiche globali è opportuno partire proprio dai numeri del tracollo economico ellenico.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 05 Agosto 2015 08:19
Leggi tutto/Read more...
 
Reflexión sobre la condición del moderno proletariado (primera parte) PDF Stampa E-mail
Scritto da Spohn   
Giovedì 06 Agosto 2015 16:21

[IT]

Après moi le déluge! (Después de mí el diluvio!), es la divisa de todo capitalista y de toda nación de capitalistas. El capital, por consiguiente, no tiene en cuenta la salud y la duración de la vida del obrero, salvo cuando la sociedad lo obliga a tomarlas en consideración.

La historia del progreso - nos dicen - es un continuo avance hacia el bienestar de todos, de modo que el trabajo será el medio de emancipación de las masas, no más consideradas como un monstruo peligroso y ebrio de ideas de revolución, sino como un conjunto de individuos aislados, caracterizados siempre más por el uso de la tecnología y por una religión del consumo como reacción natural respecto al total dominio del hombre sobre la naturaleza.

Ultimo aggiornamento Giovedì 06 Agosto 2015 19:49
Leggi tutto/Read more...
 
Mangime per le macchine PDF Stampa E-mail
Scritto da Istituto Onorato Damen   
Sabato 25 Luglio 2015 11:04

XuLizhiUn’ode alla necessità e improcrastinabilità della rivoluzione comunista mondiale

Nell’immaginario collettivo, peraltro artatamente costruito dagli ideologi (giornalisti, economisti, sociologi, politici e politologi ecc.) al servizio di sua maestà il Capitale, le moderne tecnologie  basate sulla microelettronica sono divenute sinonimo  di un mondo in cui  la quasi totalità del  lavoro più faticoso, usurante e alienante viene , e ancor più lo sarà in futuro, svolto dalle macchine. In forza di questo assunto c’è chi ormai ritiene il lavoro, soprattutto operaio, come un’attività del tutto residuale e parole come forza-lavoro, padrone, sfruttamento, del tutto  consunte dall’impetuoso avanzare del progresso scientifico applicato alla produzione delle merci. Semplicemente si dimentica che, dati i rapporti di produzione capitalistici, le macchine sono innanzitutto Capitale, anzi per essere più precisi Capitale costante il cui impiego, non generando nuovo plusvalore, implica necessariamente l’incremento dello sfruttamento della forza-lavoro sia mediante il prolungamento della giornata lavorativa sia incrementando la produttività del lavoro.[1]

E’ quello che Marx chiama il paradosso dell’uso capitalistico delle macchine per cui queste anziché contribuire a liberare gli uomini dalla fatica ne fanno delle cose completamente asservite a esse ossia al Capitale. Insomma: Mangime per le macchine, come ha magnificamente sintetizzato un’operaia della Foxconn, rispondendo alla domanda “Come vedi il tuo ruolo nella fabbrica? postagli dagli autori del libro- inchiesta Nella fabbrica globale [2], e che noi abbiamo scelto come titolo per questa raccolta di poesie del suo compagno di lavoro, il poeta - operaio Xu Lizhi,  morto lo scorso settembre all’età di 23 anni. Ufficialmente suicida, in realtà morto per troppo, malpagato e malsano lavoro, non nel sottoscala di un qualche malandato capannone industriale di ottocentesca memoria, ma in una delle fabbriche tecnologicamente più avanzate del mondo, in quella Foxconn che produce la maggior parte della componentistica per i più importanti marchi mondiali dell’elettronica quali Apple, Microsoft e Samsung.

Ultimo aggiornamento Martedì 28 Luglio 2015 09:36
Leggi tutto/Read more...
 
La comunizzazione tra teoria e prassi, idealismo ed evanescenza PDF Stampa E-mail
Scritto da Carmelo GERMANA'   
Lunedì 13 Luglio 2015 07:30

Dalla  rivista  D-M-D' n °9

escherLa teoria della comunizzazione non vuole essere uno strumento programmatico al servizio della lotta di classe allo scopo di instaurare il comunismo. Il comunismo non lo costruisce il proletariato dopo la rivoluzione, tanto meno è necessario un partito che lo guidi. Sono gli individui nel corso delle stesse lotte contro il capitale che matureranno l'insostenibilità dell'azione rivendicativa, e decideranno di rompere le catene che li lega al sistema per intraprendere misure comunizzatrici. Pur riconoscendo valida la critica dell'economia politica di Marx, le argomentazioni proposte per il superamento del capitalismo si rivelano di un disarmante semplicismo che si dissolve nelle fitte nebbie dell'idealismo.

Ultimo aggiornamento Lunedì 20 Luglio 2015 10:42
Leggi tutto/Read more...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 9